GROTTE DELL'ADDAURA

Palermo (PA) - Sicilia

Il complesso dell'Addaura, sul Monte Pellegrino, è costituito da alcune distinte cavità, ma solo due presentano evidenze figurative, Addaura I e II.
In letteratura sono presenti varie denominazioni, rispettivamente Grotta dei Bovidi o Antro Nero, contigua alla più famosa Grotta delle Incisioni. Nel complesso rientrano anche la Grotta Perciata (vedi scheda) e la Grotta Addaura Caprara.
Oggetto di interesse già nell'800 da parte dei naturalisti interessati alla grande fauna pleistocenica, Jole Marconi Bovio e Luigi Bernabò Brea vi condussero scavi nel 1946-47.
Addaura I è una piccola grotta che ha su una parete due figure zoomorfe incise
Addaura II, la più famosa e significativa, è una cavità un po' più ampia che conserva il grande pannello con incisioni, eseguite in più fasi.

Inquadramento storico
Paleolitico Superiore

È la fase più recente del Paleolitico, tra 40.000 e 10.000 anni fa, che si fa coincidere con l'arrivo in Europa della specie Homo sapiens. In questa fase si coglie una rottura con le tradizioni culturali precedenti corelate al Neanderthal e l'avvio di una serie di pratiche utilitaristiche e simboliche che hanno un loro sviluppo nei millenni, sino all'avvento del Neolitico.

Strategie insediative, assetto dei regimi di sussitenza basati sulla caccia e sulla raccolta, le modalità del rito funerario e l'inizio della produzione artistica figuarativa sono i caratteri che consentono di seguire l'evoluzione e le trasformazioni delle prime culture sapiens.

Culture

Epigravettiano

© 2017. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it