GROTTA ROMANELLI

Castro (LE) - Puglia

Scoperta da Paolo Emilio Stasi oltre un secolo fa, Grotta Romanelli ha restituito orizzonti antropici relativi al Musteriano e all’Epigravettiano finale, questi ultimi (strati E-A) pertinenti alla facies culturale scoperta qui per la prima volta e denominata "Romanelliano".
Per la stratigrafia romanelliana possediamo più datazioni, problematiche:
-strato B: 11.930±520; strato A: 11.800±600 e 9.050±100 (laboratorio C14 di Roma);
-strato D: 10.640±100; strato C2: 9.790±80; strato A2: 9.880±100 (lboratorio C14 di Groninga).

Grotta Romanelli è stato il primo sito italiano ad aver restituito evidenze figurative paleolitiche, sia mobiliari che parietali.
Le evidenze mobiliari sono 111 (un blocco dipinto e 110 pietre incise), provenienti dal deposito epigravettiano, in maggior parte dallo strato C livello 2. Questa produzione contribuisce alla definizione della fisionomia e della struttura iconografica della facies figurativa romanelliana nel Salento, insieme al repertorio di Grotta del Cavallo. Si presentano qui alcuni esempi significativi.
La cronologia delle incisioni parietali può essere ipotizzata, con buona approssimazione, sulla base del riferimento dei livelli stratigrafici con industrie del Paleolitico superiore finale di facies romanelliana e delle analogie iconografiche tra alcune immagini parietali e i segni geometrici mobiliari.

La produzione di Romanelli, acquisita in più tempi, viene considerata uno degli esempi maggiori della cosiddetta “provincia mediterranea” sensu Graziosi: proprio prendendo le figurazioni di Romanelli come paradigma e le loro analogie con quelle del Parpallò, in Spagna, Graziosi coniò nel 1956 la definizione di “arte mediterranea”.

Inquadramento storico
Paleolitico Superiore

È la fase più recente del Paleolitico, tra 40.000 e 10.000 anni fa, che si fa coincidere con l'arrivo in Europa della specie Homo sapiens. In questa fase si coglie una rottura con le tradizioni culturali precedenti corelate al Neanderthal e l'avvio di una serie di pratiche utilitaristiche e simboliche che hanno un loro sviluppo nei millenni, sino all'avvento del Neolitico.

Strategie insediative, assetto dei regimi di sussitenza basati sulla caccia e sulla raccolta, le modalità del rito funerario e l'inizio della produzione artistica figuarativa sono i caratteri che consentono di seguire l'evoluzione e le trasformazioni delle prime culture sapiens.

Culture

Epigravettiano Finale

© 2017. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it