venere "La Venere Gialla"

BALZI ROSSI

La “Venere gialla” (in steatite, altezza cm 4,8) sintetizza i parametri formali della piccola statuaria femminile, anche se manca della parte inferiore delle gambe. I volumi principali, perfettamente simmetrici, creano una percezione armonica dell’immagine. La massa dei volumi ha il suo centro nei due prosperosi seni e nel ventre. In veduta laterale si osserva la probabile capigliatura. Sono evidenti analogie con la Venere di Lespugue.

Soggetto

Naturalistico umano

Categoria

Mobiliare

Materia prima

Pietra

Tecnica

Scultura

Strato

Barma Grande, strato E (?)

Datazione

-

Codice reperto

-

Cronologia relativa
Gravettiano

La cultura gravettiana (30-20 mila anni fa) possiede ancora una fisionomia omogenea, sulla linea del cosmopolitismo aurignaziano. I sistemi insediativi sono differenziati in base ai diversi distretti geografici e paesaggistici, i quali condizionano anche le strategie di caccia, nelle produzioni litiche e negli aspetti simbolici (arte, sepolture, ornamenti...) l'uniformità degli atteggiamenti è forte. Non mancano episodi di originalità regionale che nulla tolgono alla uniformità complessiva del Gravettiano europeo.

Tra 24-20 mila anni fa una profonda crisi climatica (Secondo Pleniglaciale würmiano), corrispondente all'ultimo picco glaciale, ha inciso fortemente sui modi di vita delle popolazioni europee. Tra l'altro, l'abbassamento del livello del mare a -130 metri circa rispetto al livello attuale ha creato nuovi cenari geografici. Ad esempio, il versante orientale della penisola con la piana adriatica in emersione si trova direttamente collegato ai Balcani e all'est europeo. Questi fenomeni si riverberano anche nei sistemi di comunicazione e nei più facili e rapidi scambi di conoscenze.

Rapporti e influssi tra l'Est europeo e l'Italia sono documentati anche nell'ambito artistico. In campo artistico si consolida lo stile franco-cantabrico, che raggiunge anche il Sud della penisola. In questa fase si verifica il maggiore sviluppo delle "Veneri", piccole statuette femminili.

Gallery
Bibliografia
BOLDUC P., CINQ-MARS J., MUSSI M., 1996, Les figurines des Balzi Rossi (Italie): une collection perdue et retrouvée, Bull. Soc. Préhist. de l'Ariége, LI, pp. 15-53.
DE VILLENEUVE L., BOULE M., VERNEAU R., CARTAILHAC É., 1906-1919, Les grottes de Grimaldi, Baoussé-Roussé, Monaco.
GRAZIOSI P., 1973b, L’arte preistorica in Italia, Sansoni, Firenze.
GRAZIOSI P., 1940, Gli scavi dell'Istituto Italiano di Paleontologia Umana ai Balzi Rossi, Ingauna e Intemelia, Boll. R. Deputazione di Storia Patria per la Liguria, Sezione Ingauna e Intemelia, Bordighera, anno V, 1939, n. 1-4, pp. 129-140.
GRAZIOSI P., 1956 (ristampa 1987), L'arte dell'antica età della pietra, Sansoni, Firenze.
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
MUSSI M., BOLDUC P., CINQ-MARS J., 2004, Le 15 figurine paleolitiche scoperte da Louis Alexandre Jullien ai Balzi Rossi, Origini, XXVI, pp. 7-64.
MUSSI M., CINQ-MARS J., BOLDUC P., 2008, I Balzi Rossi alla Belle Epoque tra scoperte, polemiche, interessi e veleni, in DE PASCALE A., DEL LUCCHESE A., RAGGIO O., eds, La nascita della Paletnologia in Liguria: personaggi, scoperte e collezioni tra XIX e XX secolo, Atti del Convegno (Finale Ligue Borgo, 22-23 settembre 2006), Bordighera-Finale Ligure: Istituto Internazionale di Studi Liguri, pp. 183-196.
REINACH S., 1898, Statuette de femme nue découverte dans une des grottes de Menton, L'Anthropologie, IX, pp. 26-33.
ZERVOS F., 1959, L'art de l'époque du Renne en France, Cahiers d'Art, Paris.

© 2020. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it