figure di bovidi

GROTTA DI SETTECANNELLE

Ciottolo inciso su entrambe le facce, con tracce di ocra rossa nell’incisione, impiegato come percussore e anche come strumento levigante.
Faccia A - Figura incompleta di uro, con muso triangolare tozzo e corno molto allungato, arcuato e rivolto all'indietro.
Faccia B - Sulla faccia opposta si osserva una figura molto parziale di uro. Il profilo del muso è stato ripassato con due diversi tracciati. Il risultato grafico finale è naturalistico non schematico, con muso geometrizzante, con due corna viste in prospettiva e con alcuni dettagli (bocca, occhio, un ciuffo di pelo sulla nuca).
(cm 7,3 - 6,3 - 2,7)

Soggetto

Naturalistico animale

Categoria

Mobiliare

Materia prima

Pietra

Tecnica

Incisione

Strato

fuori contesto stratigrafico

Datazione

anteriore a 12.000 bp

Codice reperto

-

Cronologia relativa
Epigravettiano Finale

Compreso tra 14.000 e 10.000 anni fa, è il momento più avanzato del Tardoglaciale che conclude il Paleolitico. L'Italia, come altre aree europee, vede la formazione di aspetti regionali ben definiti, con produzioni litiche non del tutto omogenee. Elementi trasversali sono i comportamenti non utilitaristici, vale a dire quelli legati alle pratiche funerarie e alle esperienze artistiche.

In ambito artistico in Italia si registra la progressiva perdita dello stile franco-cantabrico che, non più adottato al Sud, lascia tracce al Centro e al Nord, dove tuttavia conserva echi della tradizione d'Oltralpe filtrate attraverso lo stile mediterraneo in via di espansione. Questo linguaggio assume negli ultimi due millenni un carattere più sintetico e astratto, con produzioni grafiche soprattutto geometriche e lineari.

Gallery
Bibliografia
BOSCHIAN G., UCELLI GNESUTTA P., 1995, Osservazioni geo-archeologiche sui livelli paleolitici della Grotta delle Settecannelle (Ischia di Castro, Viterbo), PPE II, pp. 45-51.
D'ERRICO F., UCELLI GNESUTTA P., 1999, L'art mobilier epigravettien de la Grotta de Settecannelle (Viterbo, Italie). Analyse technique et stylistique, L'Anthropologie, 103, 1, pp. 121-160.
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
UCELLI GNESUTTA P., 1993, Nuovi dati sullo scavo nella Grotta delle Settecannelle (Ischia di Castro, Viterbo), PPE I, Milano, pp. 275-284.
UCELLI GNESUTTA P., 1999a, La Grotta di Settecannelle. Ischia di Castro, Viterbo, Atti Conv. "Ferrante Rittatore Vonwiller e la Maremma", pp. 141-154.
UCELLI GNESUTTA P., 1999b, Le gisement nèolithique de la Grotta di Settecannelle, XXIVe Congrès Prèhistorique de France, Carcassonne 26-30 Sept. 1994, Le Nèolithique du Nord-Ouest mèditerranèen, pp. 57-64.
UCELLI GNESUTTA P., 1998a, Un nuovo reperto di arte mobiliare dai livelli epigravettiani di Grotta di Settecannelle, RSP, XLIX, pp. 123-140.
UCELLI GNESUTTA P., 1998b, Manifestations artistiques de l'Epigravettien final dans le site de Grotta di Settecannelle (Ischia di Castro), Atti UISPP XIII, Forlì 1996, sez. VII-IX, 3, pp. 81-88.
UCELLI GNESUTTA P., CRISTIANI E., 2002, Analisi stilistica e tecnologica di frammenti di osso decorato dai livelli epigravettiani della Grotta di Settecannelle (Viterbo), RSP, LII, pp. 143-160.

© 2020. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it