FIGURA TERIOMORFA e testa zoomorfa

TOLENTINO

Il ciottolo di ftanite presenta incisioni su entrambe le facce e tracce di un suo utilizzo come percussore.
FACCIA A- Figura antropomorfa femminile con testa di erbivoro, forse un asinide. La sagoma zoomorfa è ben tracciata, con pochi dettagli (orecchie in visione prospettica, occhio, bocca) e si innesta su un corpo snello e allungato con chiari attributi di genere (seni, triangolo pubico).
Questo teriomorfo (personaggio umano con fattezze animali) appartiene alle poche evidenze di antropomorfi mascherati segnalati in Italia (cfr. Grotta Fumane, Grotta Addaura, Macomer).
FACCIA B- Testa zoomorfa, indeterminabile come specie (giovane bovide?), non schematica, che rimanda allo stile mediterraneo.
L‘incisione viene inserita -con la massima prudenza- nell‘Epigravettiano finale in virtù di alcune analogie stilistiche con altri reperti in giacitura primaria (cfr. figura femminile dal Riparo di Vado all’Arancio).
(altezza 12,7 cm)

Soggetto

Naturalistico animale

Categoria

Mobiliare

Materia prima

Pietra

Tecnica

Incisione

Strato

fuori contesto stratigrafico

Datazione

-

Codice reperto

-

Cronologia relativa
Epigravettiano Finale

Compreso tra 14.000 e 10.000 anni fa, è il momento più avanzato del Tardoglaciale che conclude il Paleolitico. L'Italia, come altre aree europee, vede la formazione di aspetti regionali ben definiti, con produzioni litiche non del tutto omogenee. Elementi trasversali sono i comportamenti non utilitaristici, vale a dire quelli legati alle pratiche funerarie e alle esperienze artistiche.

In ambito artistico in Italia si registra la progressiva perdita dello stile franco-cantabrico che, non più adottato al Sud, lascia tracce al Centro e al Nord, dove tuttavia conserva echi della tradizione d'Oltralpe filtrate attraverso lo stile mediterraneo in via di espansione. Questo linguaggio assume negli ultimi due millenni un carattere più sintetico e astratto, con produzioni grafiche soprattutto geometriche e lineari.

Gallery
Bibliografia
DALL'OSSO I., 1915, Guida illustrata del Museo Nazionale di Ancona, Ancona.
LOLLINI D. G., (n.d.), Museo Archeologico Nazionale delle Marche. Sezione preistorica. Paleolitico Neolitico, Guida, Ministero BBCCAA, Soprintendenza Archeologica delle Marche.
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
MARTINI F., FRATINI F., 2013, Preistoria, arte e stati dell'anima. In margine al dibattito sullo sciamanesimo paleolitico, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 9, Firenze.
MASSI A., COLTORTI M., D'ERRICO F., MUSSI M., ZAMPETTI D., 1997, La "Venere" di Tolentino e i pionieri della ricerca archeologica, Origini, XXI, pp. 23-66.
MASSI SECONDARI A., 1988, Novità sulla topografia di Tolentino romana, PICUS, VIII, pp. 169-197.

© 2020. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it