equide - roccia n. 34 (PARIETALE)

LUINE - darfo boario terme

L’incisione attribuita al Paleolitico si trova sulla roccia n. 34 e rappresenta un equide in veduta laterale.
La figura è realizzata con una visione verista del soggetto che non trascura certi dettagli significativi: morfologia del muso stretto, del collo, della concavità dorsale, retrotreno rialzato.
Mancano tuttavia i particolari anatomici (bocca, narici, occhio, sesso).
Il pelame della criniera è sostituito da una suggestione volumetrica della sua massa.
È evidente inoltre una certa sommarietà iconografica: si vedano infatti l’assenza della coda, delle due zampe anteriori e di una posteriore e, in una visione più generale, la morfologia eccessivamente allungata dell’intero profilo.
(lunghezza cm 84)

Soggetto

Naturalistico animale

Categoria

Parietale

Materia prima

Pietra

Tecnica

Incisione

Strato

-

Datazione

-

Codice reperto

-

Cronologia relativa
Paleolitico Superiore Generico

Molti prodotti artistici non provengono da contesti paleolitici ben datati o attribuibili con sicurezza a specifici contesti culturali e vengono quindi riportati sotto questa generica dizione crono­culturale.

Gallery
Bibliografia
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
MARTINI F., BAGLIONI L., POGGIANI KELLER R., 2009a, La figura di equide sulla roccia n. 34 di Luine a Darfo-Boario Terme, in La Valle delle incisioni, Catalogo mostra Brescia 2009, Brescia, pp. 183-196.
MARTINI F., BAGLIONI L., POGGIANI KELLER R., 2009b, Le incisioni rupestri "protocamune" di Darfo-Boario Terme: revisione e ipotesi di una cronologia paleolitica della figura zoomorfa sulla roccia n. 34 di Luine, Preistoria Alpina, 44, pp. 245-258.

© 2021. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it