9.2_altre incisioni zoomorfe

GROTTA PAGLICCI

Alcuni reperti sono stati recuperati fuori contesto stratigrafico.
Su base stilistica potrebbero appartenere all’Epigravettiano evoluto.
Al linguaggio mediterraneo potrebbe riferirsi la testa di bovide ricoperta da due fasci di fitte linee parallele (PA 12).
Allo stile franco-cantabrico rimandano: il profilo di cavallo colpito da frecce (PA13); l’incisione di testa di Bos su una faccia di un ciottolo-ritoccatoio, sovrapposta ad una serie di linee relative forse ad un altro profilo zoomorfo, mentre sulla faccia opposta resta una esigua porzione di un’altra testa di bovide (PA 21); il residuo di una incisione di testa di cervide con corna, orecchio e occhio (PA 17); l'incisione su frammento osseo di testa di bovide (PA 15) con dettagli anatomici e con la rappresentazione dinamica delle corna in movimento; l'incisione su osso di retrotreno di bisonte (PA 30); l'incisione schematica di testa di equide vista frontalmente su supporto litico (PA 14).

Soggetto

Naturalistico animale

Categoria

Mobiliare

Materia prima

Pietra

Tecnica

Incisione

Strato

fuori contesto stratigrafico

Datazione

-

Codice reperto

PA12 (oggetto n. 1); PA13 (oggetto n. 2); PA14 (oggetto n. 4); PA15 (oggetto n. 6); PA17 (oggetto n. 8); PA21 (oggetto n. 3); PA30

Cronologia relativa
Epigravettiano Evoluto

Si tratta di una breve fase dell'Epigravettiano (17-15 mila anni orsono circa) nella quale su una base di conoscenze e di comportamenti ancora legati alla fase precedente si innestano innovazioni tecnologiche e simboliche. Ciò comporta una progressione degli aspetti di diffusione territoriale limitata.

In ambito artistico in questa fase allo stile franco-cantabrico si affianca un nuovo linguaggio figurativo, che Paolo Graziosi nel 1956 ha denominato stile mediterraneo in quanto interessa le produzioni delle aree più meridionali dell'Europa, dalla Spagna al Sud dell'Italia.

Gallery
Bibliografia
ARRIGHI S., BORGIA V., GUASPARRI G., RICCI S., SCALA A., RONCHITELLI A. , 2012, Manifestazioni d'arte inedite e analisi tecnologica del'arte mobiliare di Grotta Paglicci (Rignano Garganico-Foggia), in Atti IIPP XLII, pp.49-58.
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
MEZZENA F., PALMA DI CESNOLA A., 2001, Nuovi oggetti d'arte mobiliare della Grotta Paglicci nel Gargano, Atti San Severo, XXI, pp. 13-34.
MEZZENA F., PALMA DI CESNOLA A., 2004, L'arte mobiliare di Grotta Paglicci: nuove acquisizioni, RSP, LIV, pp. 291-320.
PALMA DI CESNOLA A., 1993, Il Paleolitico superiore in Italia. Introduzione alla studio, Garlatti e Razzai ed. Firenze.
PALMA DI CESNOLA A., 2007, L'Epigravettiano tra 15.000 e 10.000 anni da oggi in Puglia, in MARTINI 2007, a cura di, L'Italia tra 15.000 e 10.000 anni fa. Cosmopolitismo e regionalità nel Tardoglaciale, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 5, Firenze, pp. 135-156.
PALMA DI CESNOLA A., 1987a, La posizione cronologica della principali manifestazioni d'arte di Grotta Paglicci e del Gargano, Atti San Severo, pp. 23-26.
PALMA DI CESNOLA A. , 2003, Paglicci ed il Paleolitico del Gargano, Guida al Museo di Rignano Garganico, Grenzi, Foggia.

© 2021. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it