6_Figure zoomorfe schematiche (blocco dipinto)

GROTTA ROMANELLI

Su un blocco relativamente grande (max cm 36) è stata tracciata in ocra rossa una pittura composta da cinque file sovrapposte di segni, definibili come segni ad arco accostati oppure come segmenti orizzontali, da cui partono brevi tratti perpendicolari.
L’interpretazione di questo segno non è unanime:
-immagine antropomorfa plurima schematica su un modulo pettiniforme ripetuto (Graziosi)
-figure “ad arco riunite tra loro ma tracciate individualmente” (Cardini)
-raffigurazione collettiva probabilmente zoomorfa (Vigliardi).
Questa immagine costituisce un importante esempio di un procedimento concettuale basato sulla riduzione di un soggetto (zoomorfo o antropomorfo) ad un modulo grafico elementare (arco o pettine), riproposto in una costruzione collettiva. Si tratta di un procedimento concettuale non frequente ma ben noto nell’arte paleolitica europea, sin dall’Aurignaziano, enfatizzato nel Mesolitico.

Soggetto

Astratto

Naturalistico animale

Categoria

Mobiliare

Materia prima

Pietra

Tecnica

Pittura

Strato

livelli B-C ("terre brune")

Datazione

vedi "descrizione"

Codice reperto

-

Cronologia relativa
Epigravettiano Finale

Compreso tra 14.000 e 10.000 anni fa, è il momento più avanzato del Tardoglaciale che conclude il Paleolitico. L'Italia, come altre aree europee, vede la formazione di aspetti regionali ben definiti, con produzioni litiche non del tutto omogenee. Elementi trasversali sono i comportamenti non utilitaristici, vale a dire quelli legati alle pratiche funerarie e alle esperienze artistiche.

In ambito artistico in Italia si registra la progressiva perdita dello stile franco-cantabrico che, non più adottato al Sud, lascia tracce al Centro e al Nord, dove tuttavia conserva echi della tradizione d'Oltralpe filtrate attraverso lo stile mediterraneo in via di espansione. Questo linguaggio assume negli ultimi due millenni un carattere più sintetico e astratto, con produzioni grafiche soprattutto geometriche e lineari.

Gallery
Bibliografia
BLANC A. C. , 1940, Nuove manifestazioni d'arte paleolitica superiore nella Grotta Romanelli in Terra d'Otranto, Rend. Acc. d'Italia, classe SFN, I.
BLANC A. C. , 1939, Dipinto schematico rinvenuto nel Paleolitico superiore della Grotta Romanelli in Terra d'Otranto, RA, XXXII, pp. 101-113.
BLANC A. C. , 1938, Romanelli II, AAE, LVIII, 1938.
CARDINI L., 1972, Dipinti schematici antropomorfi della Grotta Romanelli e su ciottoli dei livelli mesolitici della Caverna delle Arene Candide e della Grotta della Madonna a Praia a Mare, Atti IIPP XIV, pp. 225-235.
FREDIANI A., MARTINI F., 2003, L'arte paleolitica di Grotta Romanelli, in FABBRI P. F., INGRAVALLO E., MANGIA A., a cura di, Grotta Romanelli nel centenario della sua scoperta (1900-2000), Atti Conv. Castro 2000, Congedo Ed., Galatina, pp. 69-80.
GRAZIOSI P., 1956 (ristampa 1987), L'arte dell'antica età della pietra, Sansoni, Firenze.
GRAZIOSI P., 1973b, L’arte preistorica in Italia, Sansoni, Firenze.
MARTINI F., 2008, Archeologia del Paleolitico. Storia e culture dei popoli cacciatori-raccoglitori, Carocci, Roma.
MARTINI F., 2016, L'arte paleolitica e mesolitica in Italia, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 12, Firenze.
PALMA DI CESNOLA A., 1993, Il Paleolitico superiore in Italia. Introduzione alla studio, Garlatti e Razzai ed. Firenze.
PALMA DI CESNOLA A., 2007, L'Epigravettiano tra 15.000 e 10.000 anni da oggi in Puglia, in MARTINI 2007, a cura di, L'Italia tra 15.000 e 10.000 anni fa. Cosmopolitismo e regionalità nel Tardoglaciale, Millenni. Studi di archeologia preistorica, 5, Firenze, pp. 135-156.

© 2020. Un progetto Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria Paolo Graziosi

+39 055 29 51 59 | info@museofiorentinopreistoria.it